venerdì 16 gennaio 2015

ma quanti aghi ci sono?

Ecco perché ogni tanto la macchina impazzisce: crea grovigli di filo, salta dei passaggi, cambia modalità di cucitura, lascia dei buchi nella stoffa, manda giù il tessuto nel buchetto e/o il filo si spezza!
Non c'entra solo il Fato e tu lì a maledire la macchina e a scucire e a rimettere il filo e a rifare tutto daccapo.

Beh, a dir la verità, un po' ci avevo pensato al fatto che l'ago potesse entrarci qualcosa nel complotto, ma avrei dovuto approfondire e non era mai il momento giusto.

Oggi si però! E anche se ho un tutorial da finire (iniziato due mesi fa... sigh) e anche se a Natale/Capodanno, non ho potuto sfoggiare alcun cappotto irregular e oversize rosso con interno imbottito nero, apro questa parentesi di teoria succinta e graziosa.

- Anche perché continuo a non terminare il cappotto di cui sopra, per cui non posso proseguire il tutorial... sigh -

(Molti amici di Cucitious su Face si sono aggiunti, per cui li esorto: SE AVETE TUTORIAL CON FOTO DA MOSTRARE, BEN VENGANO! Scrivetemi e copierò e incollerò nel blog: graficious@gmail.com)



Bene, come recita il titolo, CI SONO MOLTI AGHI AL MONDO e il loro utilizzo dipende dal tipo di tessuto su cui stiamo lavorando.

Alla base del cucito a macchina stanno gli AGHI UNIVERSALI, adatti alla maggiorparte dei tessuti, al jersey e al sintetico. Hanno stessa punta e stessa cruna ma una diversa numerazione dovuta allo spessore dell'ago.
Esistono poi gli AGHI PER TESSUTI STRETCH SINTETICI, gli AGHI CON PUNTA A SFERA per maglia e corsetteria, gli AGHI PER PELLE, FINTA PELLE e materiali non telati, gli AGHI PER IL JEANS quindi tessuti a trama spessa e finta pelle telata, gli AGHI MICROTEX per seta e tessuti in microfibra, gli AGHI PER RICAMO, gli AGHI PER TRAPUNTO (quilting) e patchwork, gli AGHI DOPPI/gemelli per nervature e cuciture doppie e orli, gli AGHI TRIPLI sempre per ornare, gli AGHI A LANCIA (wing) per orli a giorno e punti decorativi, gli AGHI A LANCIA DOPPIA, quelli PER FILI METALLICI e PER CORDONETTO e fili spessi, infine gli AGHI HANDICAP con infilatura facilitata.

Oddio quanti! E chi l'avrebbe mai detto? Personalmente non li ricorderò nè userò tutti. Per questo sintetizzo graficamente solo gli aghi a me potenzialmente utili. Codesti:



L'ago è vecchissimo. Nasce nel Paleolitico, 60000 anni prima di Cristo, è di osso e appare così:
                 historical novelstone age pin 81x400 I Am On Pins and Needles!                      historical novelbronze pin I Am On Pins and Needles!

Gli Egiziani ricavano gli aghi dalle spine di pesce. Mentre i Sumeri intorno al 3000 a.C. fanno spilli in ferro. 
In Russia sono stati trovati aghi di avorio di 32000 anni fa. 

Per secoli i vestiti vengono assemblati solo con l'ago; i bottoni si diffondono ampiamente come metodo di chiusura solo nel medioevo.

Nel 18° secolo la produzione di aghi raggiunge il suo apice e coinvolge un team di 15 operai, per i quali respirare l'aria piena di particelle di metallo è estremamente pericoloso.

historical novelpins 18th century 114x400 I Am On Pins and Needles!       historical novelbrass pins late 1800s 230x400 I Am On Pins and Needles!

La prima macchina industriale per fabbricare spilli viene brevettata nel 1830 da John Howe.

Una rivista scientifica americana nel 1903 riporta che circa 3000 aghi vengono prodotti al giorno nel mondo, soprattutto in Gran Bretagna. Nel 1920 gli americani acquistano 14 miliardi di spilli all'anno.

historical novelsewing needles folder 300x182 I Am On Pins and Needles!

Nessun commento:

Posta un commento